0 0
Ciambella glassata di patate dolci

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ciambella glassata di patate dolci

glassata con "Glassa all’acqua o Glassa glacé"

Features:
  • Extra: salute
  • Festività
  • Vegetariana
  • Medium

Directions

Share

Ingredienti (per 10 persone – ø teglia da ciambella: 28cm)

  • 330g di farina “0”
  • 300g di patate americane*
  • 160g di zucchero di canna Dulcita o Muscobado
  • 100g di olio di semi
  • 3 uova
  • 150ml di latte parzialmente scremato
  • 1 cucchiaio d’acqua
  • 16g bustina lievito
  • 1 pizzico di sale

per decorare con la Glassa all’acqua o Glassa glacé

 

💡rapporto 1:5 (1 acqua : 5 zucchero a velo)

  • 50g di zucchero a velo
  • 10ml (1 cucchiaio circa) di acqua molto calda

+

  • mompariglia, diavioletti, zuccherìni colorati

 

*si possono sostituire con zucca e/o carote

 

Preparazione

Prima di tutto:

– tirare fuori le uova dal frigorifero.
– accendete il forno a 180°C
– procurarsi e pesare già gli ingredienti
– preparare anche una ciotola capiente ed una più piccola
– carta-forno
– teglia per ciambella media
– Minipimer o robot o fruste o impastatore


Ciambella

Per prima cosa lessate per metà del tempo necessario, sbucciate, tagliate a pezzetti le patate e mettete tutto in un robot insieme all’olio, latte ed acqua ed azionate la macchina fino ad ottenere una crema liscia.


In una ciotola capiente con le fruste elettriche – o con la planetaria – montate le uova con lo zucchero ed il sale fino a quando il composto sarà gonfio e chiaro (deve raddoppiare o meglio triplicare il suo volume).


Unite a filo la crema di patate/olio/latte/acqua mischiando delicatamente dal basso verso l’alto con una spatola di silicone (marisa o lecca pentole) girando la ciotola di tanto in tanto per il minimo tempo indispensabile affinché il composto sia nuovamente omogeneo.


Ora prendete 1/3 del composto montato ed unitelo alle polveri setacciate (farina/lievito) e mischiate energicamente, dopodiché in altre 2 volte unite questo composto “duro” appena ottenuto alla massa montata nella ciotola mischiando delicatamente con una spatola, girando la ciotola continuamente di 1/4 di giro.


Oliate con un pennello o con le mani la teglia anti-aderente (ø: 28cm) – non dimenticate il foro centrale… oliate anche quello – e versateci l’impasto livellandolo solo inclinando la tortiera.


Cuocete in forno statico a 175° per 55′-60′ minuti (fate comunque la prova stecchino – non vicino ai bordi – e regolatevi voi).


Sfornate la torta, fatela raffreddare in teglia per 5′-10′ minuti dopodiché sformatela e mettetela capovolta su una gratella a raffreddare ulteriormente e ad asciugare dall’umidità di cottura.


Nel mentre si raffredda/asciuga preparate la Glassa all’acqua o Glassa Glacé seguendo pedissequamente quanto indicato di seguito o QUI.


Dopo mezz’ora glassate mettendo la glassa sulla parte + alta tutt’intorno ed aspettare che coli giù (aiutatevi inclinando e roteando piatto)


Finite facendo cadere dall’alto un poco di zuccherini colorati – sempre tutt’intorno sulla parte più alta del dolce – e lasciate asciugare per almeno mezz’ora (si può accelerare l’asciugatura mettendo la ciambella con tutto il piatto in forno a 100°C per 10′ minuti).


Potete servire e gustare con del vino dolce.


Glassa all’acqua o Glassa glacé

💡rapporto 1:5 (1 acqua : 5 zucchero a velo)

  • 50g di zucchero a velo
  • 10ml (1 cucchiaio circa) di acqua molto calda
  • qualche goccia di colorante in gel

Setacciare lo zucchero a velo.


Aggiungere l’acqua, se lo usate, colorata con il colorante in gel (se invece si scegliesse un colorante liquido bisognerà diminuire l’acqua altrimenti il composto sarà troppo liquido).


Se serve aggiustare la consistenza aggiungendo con molta parsimonia (1/2 cucchiaino alla volta) di acqua o di zucchero a velo.


Nota: la glassa ottenuta si secca molto velocemente, quindi se la state usando poggiate sulla ciotola un panno bagnato e strizzato se invece la userete in un secondo tempo copritela con della pellicola trasparente e riponetela in frigorifero (o usate il bagno-maria come indicato per la Glassa fondente).
Se al momento di riusarla fosse troppo “dura” aggiungete ½ cucchiaino di acqua bollente e rilavoratela per renderla nuovamente liscia.

(Visited 10 times, 1 visits today)
previous
Soupe à l’oignon gratinée
next
Stelline di farina di riso al Lemon Curd
previous
Soupe à l’oignon gratinée
next
Stelline di farina di riso al Lemon Curd