0 0
Semit – Kahk

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Salva questa ricetta

Effettua il login o registrati per aggiungere questa ricetta alle preferite.

Semit – Kahk

da http://www.appuntidicucina.it/2007

Caratteristiche:
  • Etnica
  • Media

Indicazioni

Condividi

Sono dei piccoli panini a forma di anello comuni nel mondo arabo, a volte indicati con semeet o kahk, esistono diverse versioni tutte accomunate dalla forma e dai semi di sesamo sulla superficie.
Nei paesi del mediterraneo (Marocco e Algeria) sono di solito piccanti e con aglio
, quelle egiziane più semplici, in Iraq esiste una versione con semi di cumino e coriandolo…

Ingredienti

  • 200g di farina
  • 10g di lievito (1 cucchiaino scarso di disidratato)
  • 75g di latte
  • 75g di acqua
  • 15g di zucchero di canna (1 cucchiaio)
  • 20g di burro
  • 4 g di sale (1 cucchiaino raso)
  • uovo sbattuto e semi di sesamo per decorare

 

 

Procedimento

Scaldate acqua, latte e zucchero, devono avere non più di 37°, e scioglietevi dentro il lievito. Ancora tiepido unite anche il burro.


In una grande ciotola versate la farina e una volta sciolto il burro, il liquido. Lo si lavora per circa 5 minuti  – aggiungendo il sale – con un cucchiaio di legno ed appena possibile si prosegue con una mano sola,


Lo si raccogle in una palla con la falda sotto. Si copre la ciotola con in coperchio (si può fare anche il contrario cioè mettere l’impasto sul piano di lavoro infarinato e coprire con la ciotola rivoltata) poi lo si lascia riposare per circa un ora.


Si sgonfia l’impasto e si impasta nuovamente (ovviamente se necessario si aggiunge poca farina – non esagerate altrimenti poi risultano dure – è normale che all’inizio sia appiccicoso… insistete), la consistenza finale deve essere morbida ma non appiccicosa come il lobo dell’orecchio.


Si divide l’impasto in pezzi grandi circa mezzo pugno e si formano dei salsicciotti grossi circa 1cm e lunghi circa 15cm, si ripiegano direttamente sulla teglia ad anello sovrapponendo le due estremità. Dopo averli spennellati con l’uovo e cosparsi con i semi di sesamo si lasciano lievitare per un ora circa.


Nella tradizione si cucinano in due momenti a 220gradi per 10 minuti e poi a 150 per altri 20 per ottenere un risultato molto secco e croccante; Io (e non solo io a casa) li preferiamo però più morbidi e quindi li cucino a 200 per 20 minuti.


N.B. Da provare è anche la versione con semi di cumino e coriandolo: le proporzioni sono circa 2 cucchiaini di cumino per 1 di coriandolo; si fanno tostare separatamente e si macina il coriandolo.

(Visited 15 times, 1 visits today)
Precedente
Mousse bianca
Successivo
Cookies con gli smarties
Precedente
Mousse bianca
Successivo
Cookies con gli smarties