0 0
Piccole meringhe

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Salva questa ricetta

Effettua il login o registrati per aggiungere questa ricetta alle preferite.

Piccole meringhe

ricetta di iginio massari per natalia cattelani

Caratteristiche:
  • Extra: personaggi
  • Extra: tecniche
  • Festività
  • Natale
  • Media

Indicazioni

Condividi
Anche le meringhe si possono vestire a festa ed arricchire con semplicità le nostre tavole.

Oggi le ho insegnate ad Elisa, la più curiosa ed interessata in questo periodo nei confronti della cucina.
Ho pensato così di scrivere qui i suggerimenti che le ho dato in modo che anche voi  se non ne siete al corrente,  potrete ottenere degli ottimi risultati, sono davvero molto semplici.

Naturalmente i consigli li ho ricevuti anch’io dal grande Massari e qui vi riporto i più semplici quelli che possiamo tranquillamente eseguire anche noi nelle nostre case per apprezzare poi alla fine un prodotto che darà se fatto bene le sue soddisfazioni.

Partiamo dagli ingredienti: zucchero e albume con un rapporto come dice lui “1 con 2” ovvero una parte di albume e due di zucchero

La temperatura dell’albume  per montare bene non deve essere “di  frigorifero” ma deve raggiungere almeno i 12 gradi.

Iniziate a montare con un 5/10 per cento di zucchero per dare un po’ di struttura, dopo un paio di minuti aggiungetene un altro po’ (circa un terzo), dopo altri due minuti l’altro terzo e infine il resto dello zucchero. Se prendete un po’ di montata tra le dita e le avvicinate tra loro non dovreste più percepire i granelli di zucchero. Impiegherete come minimo 6 minuti

– Deponete con l’aiuto di una sacca da pasticcere mucchietti di meringa sul foglio di carta da forno, spolverateli se lo volete con un po’ di zucchero a velo , poi procedete alla cottura.

Per la cottura anche qui Massari da un consiglio: mettete a cuocere le meringhe per i primi due minuti a 180 gradi. In questo modo si formerà una pellicola che tratterà il vapore e lo farà sviluppare in verticale e scioglierà lo zucchero, dopo questi due minuti aprite il forno e abbassate la temperatura a 140 gradi continuando la cottura per almeno 2 ore.

Non dimenticatevi di mettere una pallina di carta d’alluminio tra lo sportello e il forno per lasciare una fessura aperta, in questo modo uscirà l’umidità che notoriamente è nemica dei dolci.

Per variare le forme ed i sapori divertitevi come ho fatto io: ne ho preso una parte prima di cuocere e ho aggiunto un po’ di nocciole tritate, una volta cotte le ho accoppiate con un po’ di cioccolato sciolto , altre le ho cosparse prima di cuocerle di pistacchi tritati, in altre ho messo un po’ di gocce di cioccolata, altre ancora le ho deposte creando dei piccoli canestrelli e una volta cotte le ho farcite all’interno con crema di marroni e panna.
Et voilà le meringhe sono fatte !

Ps 1 per una teglia da forno piena ho montato 100g di albumi con 200g di zucchero
Ps 2 se volete seguire i consigli che ha dispensato Massari durante il suo intervento tenuto a Napoli per la manifestazione Cibo a Regola D’arte andate sulla pagina della manifestazione 

 

(Visited 37 times, 1 visits today)
Precedente
Lingue di gatto
Successivo
Torta di ananas e pinoli
Precedente
Lingue di gatto
Successivo
Torta di ananas e pinoli