0 0
Gnocchi al “ragù speciale”

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Salva questa ricetta

Effettua il login o registrati per aggiungere questa ricetta alle preferite.

Gnocchi al “ragù speciale”

Caratteristiche:
  • Extra: tecniche
Nazionalità:
  • Media

Indicazioni

Condividi
Ingredienti
  • 600g di carne macinata di vitello
  • 4 salsicce di maiale
  • 500g  di cipolle dorate
  • 1 carota grande tagliata in quattro o piú pezzi
  • 1 costa di sedano tagliata a pezzetti
  • 800g di pomodori a grappolo
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine d’oliva
  • peperoncino
  • 1 stecca di cannella
  • pepe nero macinato fresco q.b.
  • sale fino q.b.

+

  • 400g di gnocchi
  • un pugno di sale grosso
  • 10 foglie piccole di basilico*
  • 100g di pecorino grattugiato

 

Procedimento

In un tegame molto grosso metto l’olio e lo faccio scaldare a fuoco medio/basso metto carote, sedano e cipolle che avrò pulito anche dagli eventuali parti verdi centrali (come per l’aglio anche questi sono indigesti) e la cannella finché non diventa trasparente e il peperoncino frantumato.


Dopodiché alzo il fuoco e dopo un attimo tolta la pelle alle salsicce, butto le due carni a fuoco alto e le sgrano girandole più volte in modo che la carne sia ben staccata e sigillata da tutti i lati.


Sfiammo con il vino, aggiungo la stecca di cannella e cuocio per altro minuto e metto il pomodori che avrò frullato molto grossolanamente e messo a scolare per 20′ minuti in un colapasta, mescolo bene tutto e dopo 1 minuto abbasso il fuoco aggiungo 2 mestoli di acqua, giro, abbasso il fuoco metto il coperchio e faccio andare per mezz’ora.


Dopodichè levo il coperchio, tolgo la stecca di cannella, salo, gratto “abbondantemente” e “grossolanamente” il pepe, giro, alzo un poco il fuoco e faccio asciugare (ci vorrà circa un quarto d’ora).


Il ragù e pronto per condire gli gnocchi con l’aggiunta di uno o due mestoli di acqua di cottura (che avrete tenuto da parte prima di scolare) e a mantecatura avvenuta e a fuoco spento una manciata abbondante di pecorino e spolverata di pepe nero macinato di fresco e delle foglie di basilico* spezzettate con le mani. Questo procedimento finale è FONDAMENTALE e va seguito alla lettera!


*se non fosse la sua stagione potete anche ometterlo.

(Visited 21 times, 1 visits today)
Precedente
Torta di farina di castagne al profumo d’agrumi
Successivo
Stelle di polenta alla cipolla con salsa verde
Precedente
Torta di farina di castagne al profumo d’agrumi
Successivo
Stelle di polenta alla cipolla con salsa verde