0 0
Torta “Mia10” cacao e fragole

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Torta “Mia10” cacao e fragole

ricetta dal blog "www.cucinaamoremio.com" (4/2010)

Features:
  • Festività
  • Medium

Directions

Share

Ingredienti (per 18 persone)

  • 250g di farina “0”
  • 250g di zucchero di canna chiarissimo tipo Demerara
  • 100g di burro morbido
  • 4 uova
  • 60g di cacao in polvere
  • 1 biccchierino di Maraschino (o Limoncello)
  • 8 cucchiai di latte parzialmente scremato
  • buccia grattugiata di 2 limoni non trattati
  • i semini di 1 bacca di vaniglia*
  • 2 bustine di lievito
  • 1 pizzicone di sale

Ripieno

  • 500g di ricotta
  • 150g di yogurt greco total “0%”
  • 150g di zucchero di canna chiarissimo tipo Demerara
  • latte parzialmente scremato q. b
  • 6 fogli di colla di pesce (una confezione)

Decorazione

  • 1 cestino di fragole
  • 40g di cacao
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • latte parzialmente scremato q. b
  • 250g panna da montare
  • 1 cucchino di zucchero

 

Indicazioni

Prepararazione della torta:

montare a lungo le uova a temperatura ambiente con lo zucchero e con il pizzico di sale.
Quando sono gonfie e spumose, unire il burro liquefatto, cacao, farina e lievito setacciati, l’aroma scelto, il latte e il liquore.


Mescolare con molta dolcezza, dal basso verso l’alto e riempire una teglia a cerniera da 26cm olitata e infarinata Cuocere a 180°C per circa 30′ minuti (deve rimanere umida non secca).
Una volta fredda, sformare e tagliare a metà.


Preparazione del ripieno:

mischiare con un frullatore ad immersione la ricotta, lo yogurt, lo zucchero, se necessario del latte e le fragole (meno le 6-8 più belle e più integre che serviranno per la decorazione), fino ad ottenere un composto liquido ma non troppo. Unire la colla di pesce ammollata come da istruzioni sulla busta (procedimento a freddo); dare ancora un’ulteripore breve mischiata con il Mimnipimer.


Assemblaggio:

richiudere la teglia, dopo averla pulita bene da eventuali resti della torta e mettere dentro la metà superiore della torta, versarci sopra il composto di yogurt e mettere in frigorifero per almeno un paio d’ore. Riprendetela e dopo aver appurato che sia solida aprite la cerniera dopo aver passato una lama (se di plastica meglio) tutt’intorno alla torta; mettere in un piatto da portata con almeno 3cm intorno liberi, mettete l’altra parte (inferiore) della torta girata e rimettete in frigorifero.


Preparazione della glasssa:

Mischiate ora il cacao della decorazione con il cucchiaio di zucchero, in modo che spariscano tutti i grumi, mettere in un pentolino, unire il latte tiepido (circa un bicchiere scarso) piano pian, girando e far andare sul fuoco dolce per 10′ minuti mischiare bene in modo che si sciolgano i granelli di zucchero (eventualmente unire ancora latte o acqua e se ci fossero ancora grumi date una passata di Minipimer) deve essere “coulant”, tipo una crema inglese o uno yogurt non compatto.


Spegnere e girare ogni tanto per non farle fare la pellicina (lasciar raffreddare bene altrimenti scioglie l’altro composto).


Ora, riprendere la torta, colarci sopra metà della copertura, rimettere al freddo per 10′ minuti, riprenderla e finire la copertura e rimetterla in frigorifero


Guarnizione:

montate la panna con il cucchiaino di zucchero (tenete la frusta in freezer – più fredda è, meglio è), mettete la panna in un “sac a poche”** e fate due giri di ciuffetti – uno sulla superficie della torta tutt’intorno e l’altro sul piatto vicino alla base della torta – e uno al centro, ornare con le fragolone tagliate a metà ed una centrale intera e dritta – vedi immagine – rimetterla in frigorifero fino al momento di servirla.


* La bacca usata della vaniglia non la buttate:
– o la mettete in un barattolo chiusa con dello zucchero a velo o semolato che diventerà zucchero vanigliato dopo una settimana;
– o la frullate o pestate fino a ridurla in polvere e la usate come aroma per un’altra preparazione.

** “sac a poche” è il sacco da pasticceria che i pasticceri usano per riempire stampi anche grandi e naturalmente per fare le decorazioni, fino ad usarne uno piccolissimo che fanno con la carta da forno, per fare decorazioni con la cioccolata fusa (ad esempio la scritta “Sacher” sulla Sacher Torte).
In commercio, oltre a quelli in stoffa e stoffa plastificata – scomodissimi da pulire – esistono anche quelli “usa e getta”, comodissimi ma fate attenzione che non siano troppo piccoli.
I beccucci li vendono anche separati.

(Visited 18 times, 1 visits today)
previous
Plumcake light alle pere
next
Torta “Mia14”
previous
Plumcake light alle pere
next
Torta “Mia14”