0 0
Pane marocchino in padella

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Pane marocchino in padella

il "batbout" detto anche "makhmar"

  • Easy

Directions

Share

Il “batbout” detto anche “makhmar” è un pane cotto in padella un poco ovale tipico del Marocco.
Assomiglia alle “tigelle” ed al “pane veloce in padella” con la differenza che si impasta solo con acqua  e senza latte, con un mix di semola e farina bianca.
Quindi si ha un pane semplice, veloce e con pochi ingredienti… un “pane dell’ultimo momento”.

10′ minuti per la preparazione
30′ minuti per la lievitazione
10′ minuti per la cottura

Ingredienti (per 15 panini)

  • 300g di farina  “0”
  • 200g di semola (meglio se rimacinata) di grano duro
  • 12,5 di lievito di birra fresco (o 2g essiccato)
  • 250 ml di acqua (meglio se frizzante tiepida – max 37°)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 10g di zucchero di canna (o malto o succo d’agave)
  • 10g di sale

 

Preparazione

In una grande ciotola, setacciare la farina bianca con la semola e mescolare.


Realizzare un buco al centro ed unire l’olio e l’acqua gassata tiepida in cui è stato sciolto il lievito di birra sbriciolato con lo zucchero. Distribuire il sale lungo i bordi evitando il contatto con il lievito.


Coprire con un coperchio e lasciar riposare 10′ muniti in un ambiente tiepido, lontano dalle correnti d’aria (una specie di lievitino).


Dopo una decina di minuti impastare energicamente tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio e privo di grumi.

Lavorate l’impasto in ciotola per un minuto, poi rivoltate sul piano di lavoro infarinato per 5′ minuti. Alla fine l’impasto dovrebbe avere la consistenza del lobo dell’orecchio.


Raccoglietelo in una palla e formate un salsicciotto che dividerete in 15 parti in modo da ottenere altrettante palline  (facendo un movimento simile alla figura qui di seguito).


Stendere ogni pallina ottenuta con il matterello fino a raggiungere lo spessore di 7-8 mm.


Sistemare i dischi su della carta da forno in una teglia e lasciar lievitare in un ambiente tiepido per mezz’ora circa, o fino a quando avranno aumentato i loro volume.

Scaldare moltissimo una padella antiaderente ed adagiarci direttamente i batbout senza alcun grasso e lasciar cuocere un paio di minuti per lato, mantenendo una fiamma media per evitare di bruciarli.


Una volta girati coprire la padella con un coperchio e lasciar cuocere altri 3′-4′ minuti a fiamma dolce rigirandoli.


I batbout sono pronti per essere serviti: si possono tagliare orizzontalmente e farcire a piacere oppure degustarli così senza farcitura.


N.B. Essendo vuoto dentro, si può aprire “a tasca” e riempire a piacere (kebab, pesce, formaggi o verdure).
A volte per una giusta forza della fiamma (altissima), per il materiale della padella/piastra, per il vapore sprigionato… i batbout formeranno in cottura un  “palloncino” creando essi stessi la tasca.
Comunque anche se la cottura non è fatta da uno/una marocchina originale e professionista, i “batbout” tagliati a metà come delle mezze lune e farciti creando la tasca con un piccolo coltello a punta sono straordinariamente “buoni”, “facili” e “veloci”!

(Visited 48 times, 1 visits today)
previous
Torta/plumcake di carote light “i Fiori”
next
Chocolate Crinkles
previous
Torta/plumcake di carote light “i Fiori”
next
Chocolate Crinkles