0 0
Pão de queijo

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Salva questa ricetta

Effettua il login o registrati per aggiungere questa ricetta alle preferite.

Pão de queijo

senza lievito e senza glutine

Caratteristiche:
  • Etnica
  • Senza glutine
  • Vegetariana
Nazionalità:

Originario degli stati
di Minas Gerais e Goias
é diventato un prodotto nazionale...
...ed è anche senza lievito e senza glutine!
negli anni 50.

  • Media

Indicazioni

Condividi

Ne esistono diverse versioni e in Brasile è possibile gustarli acquistandoli in padaria (i nostri “fornai”):
la ricetta originale prevede l’uso del polvilho dolce e/o di quello azedo cioè una farina sostituibile con quella di Tapioca (o Manioca) e a Minas Gerais viene fatto con l’utilizzo di un formaggio del posto, il formaggio mineiro.

 

Ingredienti per 6 persone (35-40 pao de queijo):

  • 500g polvilho dolce (farina di manioca fine o Tapioca*)
  • 350g di formaggio grattugiato (parmigiano o fontina o emmenthal)
  • 300ml di latte
  • 150ml di olio di girasole
  • 2 uova grandi
  • 1 cucchiaino raso di sale

 

Preparazione

Accendere il forno a 180°


In una pentola portare a bollore il latte, il sale e l’olio


In un contenitore pesare la farina, creare una fontana e versare il latte caldo mescolando con un cucchiaio. Aggiungere gradatamente le uova e il parmigiano. Impastare bene fino a formare un panetto liscio ed omogeneo. Dividere l’impasto, formate delle palline piccole ed adagiatele in una teglia con carta da forno.
Infornate a 180° finché non diventano dorati (circa per 30 minuti).


P.S. Servire freddi farciti con mortadella, salame o prosciutto, o semplicemente da soli o come dessert d’accompagnamento al caffè ed anche per spuntini mattutini o di mezza giornata.

 

(*) Tapioca (detta anche farina di manioca): è un amido, come la fecola di patate o la maizena, ottenuto dai tuberi di una pianta chiamata manioca. Dà una particolare consistenza “morbida” ai prodotti da forno per cui la si usa. Una volta veniva usata più spesso, nei dolci o nelle minestre, mentre oggi la si trova quasi soltanto come crema precotta, mescolata con crema di mais o di mais e riso, tra gli alimenti della prima infanzia. E’ possibile trovarla nei negozi di alimenti naturali, ma si presenta per lo più in forma di fiocchi, di granuli piuttosto grossi. Per ridurla a farina, ed usarla mescolata ad altre farine, per esempio per preparare vari tipi di pane e di focaccia, si può cercare di ridurla il più fine possibile, frullandola nel frullatore o passandola nel mixer. Poiché viene impiegata abitualmente in alcune cucine africane e asiatiche, di recente la farina di tapioca, leggerissima, quasi impalpabile, è comparsa nei negozi e supermercati di prodotti alimentari “stranieri”.
https://groups.yahoo.com/neo/groups/Cucina-senza-glutine/info

(Visited 20 times, 1 visits today)
Precedente
Zuppetta alle vongole
Successivo
Pasta fredda alle olive
Precedente
Zuppetta alle vongole
Successivo
Pasta fredda alle olive