1 0
Cantucci al caffè e cardamomo

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Salva questa ricetta

Effettua il login o registrati per aggiungere questa ricetta alle preferite.

Cantucci al caffè e cardamomo

Caratteristiche:
  • Etnica
  • Facile

Indicazioni

Condividi

Ingredienti

  • 300 gr di farina 0
  • 300 gr di farina di mais Fioretto o Fumetto
  • 200g di zucchero di canna Demerara
  • 2 uova
  • 50g di olio extravergine d’oliva
  • 100g di mandorle con la pelle
  • 50g di nocciole con la pelle
  • 100g di cioccolato fondente 70%
  • 1 tazzina di caffè molto ristretto
  • 1 cucchiaio di caffè solubile
  • 1 cucchiaio raso di polvere di caffè
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • 5-6 capsule di cardamomo
  • 1 pizzico di sale


Procedimento

Frantumare leggermente le capsule di cardamomo in modo da recuperare i semi interi e pestarli nel mortaio molto finemente.


Impastare tutti gli ingredienti (dopo aver setacciato la farina con il lievito e il cardamomo. Se il composto fosse troppo liquido aggiungere un poco di farina ma senza esagerare.


Formare 3 o 4 salsicciotti lunghi larghi circa 4cm e lunghi quanto vengono e metterli in una teglia foderata con carta da forno o tappetino di silicone ed infornare per 25 minuti a 180°.


Tirare fuori dal forno e lasciar raffreddare un poco, tagliare obliquamente delle fette di un centimetro e mezzo scarso (NON – come si potrebbe pensare – con un coltello a seghetta, ma con un coltello normale, affilatissimo, facendo un movimento avanti/dietro, NON schiacciandoli).


Rimetterle nella teglia e infornare di nuovo per 35 minuti a 160° per farli tostare mettendoli in piedi ma con spazio tra una fetta e l’altra di circa un centimetro (un altro modo se non dovete più usare il forno ed è sera: rinfornare i biscotti tagliati a 160° per 20 minuti, finito il tempo spegnere il forno lasciandoli dentro).


N.B. E’ consigliabile che tutto il caffè della ricetta (solubile, polvere, caffè della macchinetta) sia decaffeinato.

(Visited 4 times, 1 visits today)
Precedente
Lavash: pane armeno
Successivo
Fekkas all’anice e sesamo
Precedente
Lavash: pane armeno
Successivo
Fekkas all’anice e sesamo